lunedì 6 febbraio 2012

Gli Spari Sopra DVD in uscita il 7 Febbraio

DVD in uscita il 7 Febbraio con Corriere della Sera e Sorrisi e Canzoni TV

"Gli Spari Sopra Tour” è lo spettacolo che porta in scena il rock più duro e la sua quotidiana guerra contro la prepotenza, l’arroganza e l’ipocrisia. Una tournée epica e aggressiva, ma anche una battaglia combattuta per la vita attraverso l’energia della musica. Vasco vuole ricordare che la guerra è vicina, quella vera è alle porte, ma c’è anche la guerra giornaliera (e giornalistica), la guerra politica, quella subdola, attuata nella nostra stessa civiltà “pacifica” per limitare la libertà in nome della sicurezza:
Un’imponente scenografia “carceraria” per 54 metri di palco e una forza “di fuoco” da mettere paura data da una band strepitosa e da un impianto di ben 100.000 watt di potenza.

La Band:Batteria: Daniele Tedeschi
Chitarre: Andrea Braido, Maurizio Solieri, Nando Bonini
Basso: Claudio Golinelli
Sax: Andrea Innesto
Tastiere: Alberto Rocchetti
Le canzoni presenti nel Dvd e tratte dalla scaletta del Tour:
(Apertura di Diego Spagnoli con la frase: “Uscite tutti con le mani alzate: siete circondati!”)
  1. Lo Show
  2. Delusa
  3. L’Uomo Che Hai Di Fronte
  4. Colpa D’Alfredo
  5. Medley Rock: Credi Davvero / Dimentichiamoci Questa Città / Ieri Ho Sgozzato Mio Figlio / Sono Ancora In Coma / Asilo Republic
  6. Alibi
  7. Gli Spari Sopra (Celebrate)
  8. Gabri
  9. Brava Giulia
  10. Canzone
  11. Domani Sì, Adesso No
  12. Bollicine
  13. Vivere
  14. Non Appari Mai
  15. …Stupendo
  16. …Dillo Alla Luna! 
Dati Tecnici:Uscito nel 1994 in VHS e riversato in Dvd nel 2006
Contenuti Extra: galleria fotografica
Durata: 92 min.
Regia: Stefano Salvati
Approfondimenti:
Perché “Gli Spari Sopra” e non “Gli Spari Contro”?: perché – spiega Vasco – gli spari volano alto: sono per chi ha il coraggio di alzare la testa; sono destinati ad ogni uomo che si arroghi il diritto di camminare eretto, e non sono per quelli che invece mantengono sempre un profilo basso, che strisciano per terra per evitare di inciampare e per non rischiare gli Spari Sopra, appunto.
Alla tournée primaverile partita il 15 aprile 1993 nei palasport seguì una seconda tournée estiva, iniziata il 4 giugno e questa volta destinata agli stadi: spazi più ampi e quindi più idonei a contenere l’oceanico “popolo di Vasco”. Un intero Tour all’insegna del sold out che segue e accompagna il trionfo in classifica dell’album omonimo.
Adrenalina a fiumi, energia e pubblico in delirio e un livello di interazione con il pubblico che rende magico ogni singolo concerto, Vasco sfodera prestazioni rock mozzafiato in un turbinio di chitarre elettriche degno della migliore tradizione live delle band americane
”Lo Show”: è la canzone che apre l’album e che riprende il discorso con i fans esattamente là dove si era interrotto: la conclusione dei sensazionali concerti di “Fronte del Palco” (1990) in cui la spettacolare potenza comunicativa della musica e il senso di condivisione emotiva tra lui e il pubblico avevano già raggiunto un livello che Vasco stesso non esitò a definire “un’orgia di anime”.
Immancabile la tipica sincerità energetica di Vasco: Per me che conta / soltanto la mia / di solitudine / Per una sera / speriamo che sia / almeno utile!. Strofa che in questo spettacolo live diventa: Per una sera / FACCIAMO che sia / almeno utile!Le prime note riprendono la famosa canzone "Child in Time", in omaggio ai Deep Purple.