martedì 31 gennaio 2012

Fronte Del Palco Live90 DVD in uscita il 31 Gennaio

DVD in uscita il 31 Gennaio con Tv Sorrisi e Canzoni e Corriere della sera.

Brani live registrati allo stadio di San Siro a Milano e allo stadio Flaminio di Roma, nel luglio 1990.
Il Live che battezzò Vasco "Re del Rock".
“Fronte Del Palco Live 90” è la storica testimonianza video delle prime due esibizioni di Vasco negli stadi italiani, avvenute nello stadio San Siro in Milano e nello stadio Flaminio in Roma nell’estate del 1990, precisamente il 10 e il 14 luglio. Grazie alla clamorosa partecipazione del pubblico che riempì gli stadi di entusiasmo e di amore, più che concerti furono celebrazioni di un eroe popolare, e consacrarono Vasco come l’unico vero re del rock in Italia.
La Band:
Batteria: Daniele Tedeschi
Chitarre: Andrea Braido, Maurizio Solieri, Davide Devoti
Basso: Paul Martinez
Sax: Andrea Innesto
Tastiere: Alberto Rocchetti
La scaletta:
(Apertura di Diego Spagnoli con la frase: Il cielo / lasciamolo ai passeri / Noi / stiamo coi piedi per terra!”)
  1. Muoviti!
  2. Blasco Rossi
  3. C’è Chi Dice No
  4. Dillo Alla Luna
  5. Tango (della gelosia)
  6. Deviazioni
  7. Ogni Volta
  8. Va Bene, Va Bene Così
  9. Lunedì
  10. Vivere Una Favola
  11. Vita Spericolata
  12. Liberi, Liberi
  13. Vivere Senza Te
  14. Domenica Lunatica
  15. Colpa D’Alfredo
  16. Una Canzone Per Te
  17. Bollicine
  18. Siamo Solo Noi
  19. Canzone
  20. Albachiara
  21. Inedito (Guarda Dove Vai)

Dati Tecnici
Uscito in nel 1991 in VHS, verrà riversato in Dvd nel 2006
Contenuti Extra: galleria fotografica Durata: 1 h. e 57 min.
Regia: Stefano Salvati
Approfondimenti
LA LUNGA E ORGOGLIOSA STORIA DEL TOUR CHE APRI’ GLI STADI: la popolarità di Vasco, già notevolmente accresciuta grazie al lavoro precedente (“C’è chi dice no”), raggiunse un livello mai conosciuto prima da nessun cantante italiano con “Liberi, Liberi” (1989), la cui tournée, pur registrando il sold out in ogni città, non riuscì comunque a soddisfare tutte le richieste del pubblico. Il “Liberi… Liberi Tour ‘89” fu uno spettacolo continuo di entusiasmo e di delirio, di comunicazione e di comunione, di scambio ininterrotto di energia vitale tra Vasco e il suo pubblico, tanto da indurre Vasco a ricordarlo attraverso un doppio disco Live intitolato significativamente “FRONTE DEL PALCO - LIVE 90” (contenente anche il brano inedito “Guarda Dove Vai”).
  • Fu così che Enrico Rovelli, allora organizzatore dei suoi concerti, visto il successo del “Liberi…Liberi Tour ‘89”, propose di passare agli stadi, e Vasco, intuendo che il momento era giusto per fare un salto… di quantità, accettò la sfida, passando dai palazzetti dello sport agli stadi, cioè da circa 15.000 spettatori a …80.000 mila!
  • Fu giudicata da molti una mossa azzardata. Nessuno credeva che un cantante ancora di nicchia come Vasco Rossi, malgrado i suoi numerosi successi accumulati negli anni, sarebbe riuscito a riempire gli stadi, e invece…!
  •  Quello che accadde nei due più grandi concerti di quel periodo, tenutisi il 10.07.90 allo Stadio San Siro di Milano e il 14.07.90 allo Stadio Flaminio di Roma, rimase scritto per sempre nella storia della musica italiana: per la prima volta un artista italiano surclassava ogni indiscusso “mostro sacro” della musica estera, registrando un afflusso record, o meglio l’afflusso massimo, in relazione alla capienza materiale degli stadi, riuscendo là dove perfino Madonna e Rolling Stone avevano fallito in quella stessa stagione.
  • Fu elargito allora, e a ragione, l’appellativo di Rockstar anche per il Blasco nazionale.
  • Fu una vera e propria svolta anche per la fama internazionale del rock italiano: ancora adesso, e proprio a cominciare da allora, tutti gli artisti stranieri che vogliono venire a fare concerti in Italia sanno bene che prima devono bussare alla porta!
  • La sorpresa, la felicità e l’orgoglio contagiarono perfino gli organi di stampa che usarono titoli forti per esprimere la straordinarietà dell’accaduto, come “Vasco Rossi ha ucciso Madonna!”, per aver richiamato una quantità di pubblico rivelatasi almeno tre volte maggiore di quella registrata da Madonna pochi giorni prima e nello stesso Stadio Flaminio in Roma.
  • Vasco fu il primo artista in assoluto a fare il sold out negli stadi, aprendo le porte degli stadi al rock, anche se ancora oggi nessuno è mai riuscito ad eguagliare i suoi numeri (perfino a distanza di 20 anni, nel 2011, la SIAE constata l’assoluta supremazia di Vasco Rossi in merito al numero registrato di spettatori paganti).
  •  L’affluenza e l’entusiasmo furono tanto grandi, insoliti e inaspettati da far cancellare per sempre lo Stadio Flaminio dalla lista dei luoghi disponibili per i concerti, essendo situato troppo in centro, e delegando a questo compito (da allora in poi) lo Stadio Olimpico, mentre per lo stesso motivo lo Stadio San Siro di Milano ottenne l’appellativo elogiativo di “La Scala del Rock”, a sottolineare l’importanza dell’Italia appena dimostrata anche in merito a  questo genere di musica.
  • Il manager dei Rolling Stones, visto il trionfo incredibile di Vasco, chiese una sua collaborazione con i “mitici” Rolling Stone. Vasco si disse lusingato dalla richiesta, ringraziò, ma non essendoci il tempo per provare insieme, fu costretto a dire no.
  • Le due date storiche di Roma e Milano furono registrate e pubblicate anche in HOME VIDEO (non esistevano ancora Dvd all’epoca!). Il VHS di “FRONTE DEL PALCO LIVE 90” fu la videocassetta più venduta dell’anno (oggi disponibile anche in Dvd).
  • VASCO LIVE 10-7-90 SAN SIRO”: fu il primo Istant Live della storia italiana con i 6 grandi pezzi (“Brava”, “Dormi, Dormi”, “Va Bene, Va Bene Così”, “Colpa D’Alfredo”, “Una Canzone Per Te” e “Bollicine”) che non avevano potuto trovare spazio nel doppio disco “FRONTE DEL PALCO LIVE 90”.